Anticorruzione

Per la gestione del processo di prevenzione della corruzione, integrato con la performance
(sia strategica, operativa che individuale)

Il modulo opzionale sviluppato per gestire il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e attivare un monitoraggio efficace in modo che la Pubblica Amministrazione possa organizzare le proprie attività di prevenzione nel rispetto della Legislazione Nazionale Anticorruzione.

L’Italia nell’ultimo periodo ha intrapreso una serie di riforme di rilevante importanza strutturale, nella speranza che possano fare da guida verso una crescita economica sostenibile. La corruzione è alla base della mancanza di fiducia nei confronti dell’amministrazione pubblica e scoraggia l’attrazione di investimenti verso il nostro paese.
Il Piano Triennale della Prevenzione è lo strumento con il quale le pubbliche amministrazioni svolgono l’attività di prevenzione della corruzione. E il modulo Anticorruzione di Gzoom è stato sviluppato proprio per gestire al meglio il Piano Nazionale Anticorruzione.
Il modulo è conforme alle disposizioni della legge 190 del 6 novembre 2012, è integrato con gli altri moduli della soluzione Gzoom con i quali condivide le informazioni e consente il collegamento con il Piano delle Performance imposto dalla normativa.

Gzoom anticorruzione

Cosa puoi fare con Gzoom


Gzoom rende disponibili funzionalità per coprire la gestione dell’anticorruzione attraverso la realizzazione e gestione del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (P.T.P.C.). Consente inoltre di adottare un modello, un dizionario dati pre-caricato e progettato attraverso la collaborazione con una società di consulenza. Partendo dal modello l’Ente può adattare e personalizzare i contenuti. 
In particolare il modello propone: 

  • Le quattro aree di rischio previste dalla norma (Acquisizione e progressione del personale, Affidamento di lavori, servizi e forniture, Provvedimenti ampliativi della sfera giuridica dei destinatari privi di effetto economico diretto ed immediato per il destinatario, Provvedimenti ampliativi della sfera giuridica dei destinatari con effetto economico diretto ed immediato per il destinatario). Per ogni area di rischio sono definite le Sotto-aree (o Macro-Processi) sensibili al rischio corruttivo- Allegato 2 del P.N.A.
  • Catalogo dei rischi corruttivi suddiviso per aree di rischio – Allegato 3 del P.N.A.
  • Catalogo delle misure anticorruzione che potenzialmente si possono attivare per prevenire o attenuare i rischi corruttivi, classificate come da norma – Allegato 4 del P.N.A.
  • Catalogo degli indici di rischio corruttivo, indici di valutazione della probabilità, indici di valutazione dell’impatto e indice di controllo – Allegato 5 del P.N.A.
  • Struttura del Piano Triennale Prevenzione Corruzione; presenza di sezioni codificate disponibili per l’inserimento di parti testuali formattabili

La formazione del Piano Triennale Prevenzione Corruzione per lo specifico Ente, si sviluppa attraverso la possibilità offerta dal sistema di richiamare le informazioni del dizionario dati al fine di:

  • Identificare i rischi corruttivi, con la possibilità di suddividere le Sotto-aree (o Macro-processi) in Processi, assegnando agli stessi, misure preventive/responsabilità e tempi
  • Individuare e assegnare l’obiettivo strategico presente sul Piano delle Performance
  • Rilevare gli Indici di Probabilità, Impatto e Controllo previsti dal modello
  • Calcolare il Rischio (Media Impatti * Media Probabilità)
  • Calcolare il Rischio Corretto, Media Impatti * Probabilità Corretta (ottenuta da una matrice tra Media Probabilità e Indice di controllo)
  • Eseguire la ponderazione dei rischi attraverso l’aggregazione delle informazioni (per Sotto-area, Rischio, Struttura organizzativa, …)
  • Monitorare e aggiornare nel corso del tempo le informazioni
  • Produzione del P.T.P.C. esportabile anche in formato WORD
  • A seconda dell’organizzazione dell’Ente le attività di aggiornamento dei dati potranno essere svolte attraverso una gestione centralizzata (ufficio preposto) o decentralizzata (identificazione della responsabilità delle informazioni)

Vai alla sezione PA per scoprire specifici casi d’uso.
Vai alla sezione Sanità per scoprire specifici casi d’uso.
Vai alla sezione Università per scoprire specifici casi d’uso.